News 2014

Immobile: "Dedicato a mio papà e Zinetti"

Domenica, 13 aprile 2014
Immobile: "Dedicato a mio papà e Zinetti"

E' un Ciro Immobile al settimo cielo quello che, a fine gara, dedica il suo 19° sigillo stagionale "a mio papà, nel giorno del suo compleanno. Se lo aspettava e alla fine, con la voglia e tanta rabbia sono riuscito ad esaudirlo. Nella dedica voglio inserire anche Beppe Zinetti, il nostro allenatore dei portieri, che si è rotto il tendine d'achille nell'esultanza al gol di Cerci".

Ha gli occhi che ridono, Immobile. Ora lo aspetteranno due giorni in Nazionale per i test fisici con l'Italia. Sull'azzurro ripete quanto va dicendo da mesi: "Ce la metterò tutta per andare ai Mondiali: spero di riuscire a convincere il CT Prandelli".

Sulla sua esultanza incontenibile, ecco la spiegazione: "Dentro di me avevo tanta rabbia, solo io e mia moglie sappiamo cosa abbiamo passato l'anno scorso. Mi sono tolto la maglietta, in genere non lo faccio mai, ma è stato un momento istintivo per andare a fare festa con i nostri tifosi sotto la Maratona. Finalmente sono riuscito a far gol a Perin: pareva una maledizione ormai, tra andata e ritorno. 

Il grande affetto della Maratona? Ne sono orgoglioso, non finirò mai di ringraziare la Società e questa gente per come mi ha accolto e per come mi sta trattando. Questa è una domenica bellissima e ce la godiamo fino in fondo perchè siamo stati bravi a crederci e a non mollare mai".